Error: (#12) source field is deprecated for versions v3.3 and higher
Type: OAuthException
Code: 12

Il Lifting del collo

Dott. Luca Fracasso / Procedure chirurgiche / Il Lifting del collo

Lifting cervicale

Per molti anni il collo è stato la spia del tempo che, inesorabilmente, scorreva via. Per quanti sforzi si potessero fare per mantenere il volto tonico ed il corpo sodo, il collo manifestava comunque l’invecchiamento della persona.
Con il passare degli anni, le cellule ed i tessuti perdono progressivamente il loro tono e la loro elasticita’ lasciando sulla pelle i caratteristici segni del l’invecchiamento: rughe, rilassamento cutaneo, comparsa del doppio mento, pelle in eccesso anche sul bordo della mandibola, ecc.
Il problema ha trovato una soluzione, che negli ultimi anni è diventata di pratica comune. Il lifting del collo permette di rassodare il collo ed eliminare cedimenti e lassità cutanee di quest’area.

In che consiste l’intervento?

Il lifting del collo può essere effettuato in diversi modi, in base alle esigenze del paziente. L’intervento può prevedere:

Liposuzione del collo
Lifting cervicale
Platismoplastica (pastic del platisma, il principapale muscolo del collo)

Generalmente il lifting del collo inizia sempre con una liposuzione, indispensabile per rimuovere il grasso nella regione sotto mentoniera. Nel caso in cui la lassità cutanea sia marcata si esegue anche il lifting cervicale propriamente detto, che consiste nel rimuovere la pelle in eccesso mediante delle incisioni pre e retro auricolari. Infine, nel caso in cui le bande verticali sul collo siano molto evidenti, segno di una alterazione del Platisma, si esegue una plastica di questi muscoli.
Il lifting cervicale è una procedura che può essere eseguita in combinazione con il lifting al viso o con la blefaroplastica.

La cicatrice

Nel caso in cui sia necessaria solo una liposuzione del collo le cicatrici saranno della lunghezza massima di 2-3 mm e saranno:
In corrispondenza del lobo auricolare
Sotto il mento
Nel caso in cui sia necessario rimuovere la cute in eccesso, le cicatrici saranno dietro le orecchie e sul cuoio capelluto, sempre in regione retro auricolare. Nel caso in cui le lassità cutanee riguardino il bordo mandibola, potrà rendersi necessario eseguire anche una incisione in regione per l’auricolare.
Per l’intervento di platismopastica la cicatrice sarà sotto il mento

Durata dell’intervento
L’intervento richiede circa due ore. Considerando i tempi di accesso alla sala operatoria, di anestesia e di risveglio, la paziente permarrà presso il centro chirurgico dalle 3 alle 4 ore.

Decorso

Degenza
Intervento richiede un giorno di ricovero

Convalescenza
7 giorni di convalescenza

Ripresa della vita sociale
15 giorni

Postoperatorio
Nell’immediato postoperatorio verranno utilizzate medicazioni compressive (tipo turbante) che verranno rimosse dopo 2-3 giorni.
È possibile che si formino dei lividi che permarranno per 7-10 giorni.
La zona d’intervento non deve essere bagnata fino alla rimozione dei punti, quindi si devono evitare docce e bagni che potrebbero compromettere l’esito delle suture.
I primi punti di sutura vengono rimossi dopo 5-7 giorni, gli ultimi dopo circa due settimane.

× WhatsApp